lunedì 6 giugno 2011

All the lazy dykes

Foto presa qui.


Ci siamo montate la testa.
Fomentate da una lettrice con la voglia di rimboccarsi le maniche, abbiamo aperto un altro blog , stavolta in inglese, con padrino onorario mr. Morrissey (in foto qui e lì), che ci ha fornito anche il titolo (il sottotitolo è, invece, di Elvis).
Non si tratterà di una mera traduzione di questo in quello (sebbene ci saranno sicuramente post simili), ma vuole essere un qualcosa di nuovo, pensato per e indirizzato ad un pubblico straniero (o residente all'estero).
Quindi mie care, voi che vivete a Londra, Dublino, Berlino o che: spread the word.

(Poi, in realtà noi si ha in mente un progetto ancora più ambizioso, ma ci vorrà tempo, e ancora del tempo.)

7 commenti:

Mary ha detto...

Questa cosa mi piace!

Barbara ha detto...

Like very much! ;)

Non so che ragionamento avete fatto, io vi dico il mio. Su twitter uso quasi solo l'inglese, perché mi dà l'idea di una sorta di messaggeria universale. Facebook è per gli amici storici, quindi solo italiano. Il blog l'avevo aperto un po' con l'idea di far girare informazioni politicamente "scomode" su Internet, e ho pensato, posso anche farlo in inglese, ma nel mondo anglosassone serve di meno. Non che lì ci sia uguaglianza, ma il discorso discriminatorio è un po' più raffinato, non è macroscopico come qui in Italia.

Quindi mi chiedo: perché? Vi siete stancate di comunicare con italiane/i? Vi state proiettando verso l'emigrazione? O semplicemente vi siete stancate di un linguaggio che non è universale? Domande, domande, domande...

Anonimo ha detto...

Decisamente una SPLENDIDA iniziativa...! Go girls!

The Ant

the_frog ha detto...

Allora, in realtà è stata una commistione di cose. Io e Marta ne parlavamo da un po' perché ci piaceva l'idea di rivolgerci ad un pubblico più ampio, diverso soprattutto nel modo di rapportarsi alla comunicazione via internet (in Italia, c'è da ammetterlo, siamo un po' indietro anche su questo). La spinta effettiva però non è partita da noi, ma da una nostra lettrice che abita a Londra, Caterina, che ci ha proposto di tradurre il blog in inglese per il pubblico anglofono. Una mera traduzione però non ci sembrava adatta e ci siamo accordate per una versione inglese, un po' simile e un po' diversa, con Caterina ad affiancarci (e a correggerci) per l'aspetto linguistico.

Sono contenta che l'idea vi piaccia :)

Barbara ha detto...

Sì, in effetti anche messa così è una buona idea. Mi viene in mente che tante persone all'estero non hanno idea di ciò che accade in Italia su questo fronte.

Quando Caterina ha impegni per l'aspetto linguistico posso darvi una mano anche io se serve.

In bocca al lupo! Denunciamo al mondo i crimini italici!!!

Anonimo ha detto...

e wordpress batte google blog! ;)

Fra

Lindisfarne ha detto...

Adesso vi manca solo twitter per farvi un po' di pubblicità extra!